KPI6 – Digital Consumer Intelligence

KPI6 is the all-in-one suite that doubles the efficiency of your market research efforts.

Analyze your customers on a completely different level and action data to reach your goals.

Support

Need some help from us? Contact our skilled analysts via academy@kpi6.com

Contact Info
Corso di Porta Romana 61, Milano
Via Marsala 29/h, Roma
info@kpi6.com
Follow Us
euro 2020

Indice di gradimento social: i tifosi preferiscono Toloi e Belotti a Bonucci e Immobile

Analisi delle conversazioni con l’intelligenza artificiale di Kpi6: per Jorginho e Luis Enrique alti livelli di apprezzamento. A Roma l’ombra di Sarri su Mourinho

La Nazionale italiana impegnata ai campionati europei piace a tutti, vince e convince e sui social scopriamo curiosità inattese sui protagonisti e sulla formazione preferita dai tifosi. 

Con gli algoritmi di intelligenza artificiale di Kpi6 abbiamo analizzato le conversazioni pubblicate dalle migliaia di tifosi e appassionati che tra il 6 e 7 luglio hanno commentato la vittoria dell’Italia sulla Spagna, accedendo alla finalissima di domenica 11 luglio a Wembley, con l’Inghilterra.

In concomitanza della vittoria con la Spagna abbiamo registrato dei picchi di conversazioni nettamente superiori al trend osservato nelle ore precedenti e durante la partita, fortemente caratterizzate da due protagonisti, in particolare: Jorginho e il CT Luis Enrique.

Il centrocampista della nostra Nazionale è indentificato dai tifosi come il giocatore più decisivo tra tutti gli azzurri, una bellissima storia di riscatto dopo l’avvio di carriera molto sofferto agli esordi in Italia, al Verona. 

A Luis Enrique, invece, si riconoscono grandi capacità tecniche e qualità umane, soprattutto dopo la sua dichiarata simpatia per l’Italia, in finale. Del tecnico spagnolo si apprezza lo stile, determinato e mai arrogante, sportività e signorilità.

Stringendo il focus sugli aspetti tecnici, facendo un rapporto tra il volume delle conversazioni e le emozioni ricavabili all’interno dei post attraverso la sentiment analysis – l’analisi in tempo reale delle reazioni ed emozioni degli utenti inerenti qualsiasi persona o evento, locale e globale – vediamo cha la formazione scelta dagli italiani sul web vede Belotti preferito a Ciro Immobile, Locatelli al posto di Barella e Toloi al posto di Bonucci, quest’ultimo per motivi tattici. I tifosi sono convinti della maggiore duttilità del difensore dell’Atalanta, soprattutto in previsione di una difesa schierata a tre.

Un altro tema trending topic in queste ore riguarda la doppia presentazione di Josè Mourinho alla Roma e Maurizio Sarri alla Lazio. Due allenatori con stili di comunicazione e idee di calcio molto differenti, il primo attivissimo sui social, il secondo praticamente assente. 

Analizzando il loro impatto sugli account di Lazio e Roma, osserviamo come Sarri nonostante stimoli l’acquisizione di un minor numero di follower (+30mila) rispetto al portoghese (+43mila) in termini percentuali ottenga un vantaggio superiore. Un dato sorprendete per un allenatore che non usa i social e non presidia la comunicazione digitale. La conferma che si tratta di un personaggio comunque in grado di provocare grande interesse, che potrebbe contendere proprio a Mourinho le attenzioni dei media, generando trending topic e discussioni sui social.

Tra le frasi più utilizzate e associate ai due nuovi allenatori di Lazio e Roma, per Sarri spiccano “alla Lazio farà bene”, “possono fare un grande campionato”, ma anche qualche critica come, ad esempio, “un conto è gestire Albiol, altra cosa è gestire Ronaldo”, “personalità calcistica limitata”, evidentemente di qualche juventino non soddisfatto del suo lavoro.

Per Mourinho invece notiamo “non sarà la Roma di Mourinho”, “voglio Roma dei romanisti” e soprattutto “tempo, progetto, lavoro”, ossia la consapevolezza dei tifosi che si tratta, in questo caso, di un progetto di lunga scadenza, di costruzione progressiva delle basi solide per diventare una grande squadra. Fiduciosi che “i trofei arriveranno” come ha confermato lo stesso Mourinho in conferenza stampa.